top of page
  • Immagine del redattoreCarolien

Caponata

Caponata Anni fa, al Palazzo del Maggiore (ora: Agricampeggio Il Sogno*), ho fatto la conoscenza della "caponata" per la prima volta. Inigo mi ha insegnato la tecnica di prima cuocere bene le verdure nell'olio d'oliva, nel frattempo preparare una salsa agrodolce e poi lasciare che tutti i sapori si amalgamino. Una piccola fatica, ma il risultato è talmente buono che vorrei mangiarlo ogni giorno!

Prima di darvi la ricetta, una breve parentesi storica. Associamo la Caponata sempre alla Sicilia, ma originariamente è un piatto marinare più generico. Si narra che i marinai comprassero le verdure cotte in osterie speciali, le "caupona". A bordo, condivano le verdure con zucchero e aceto e le consumavano. Ma grazie all'aggiunta di aceto, diventava naturalmente più conservabile, così spesso rifornivano grandi quantità di verdure per conservarle in questo modo. Da qualche parte ho letto che veniva aggiunto anche il biscotto da nave per renderlo ancora più nutriente. Questa combinazione di verdure agrodolci e una forma di pane/biscotto si trova ancora oggi in piatti in altri porti come Livorno e Genova. Dalla famosa versione siciliana, però, questa aggiunta è scomparsa.

È possibile trovare anche il termine "Ca(u)ponatina", che rappresenta una versione più raffinata della Caponata con verdure tagliate più finemente. Entrambe le versioni possono essere arricchite con pesce, aragoste o molluschi stufati alla fine, o completate con bottarga (uova di pesce essiccate) e/o uova sode tritate.

Ora è tempo per la ricetta! Vi do la mia versione di base, ma potete tranquillamente variare un po'. Recentemente ho aggiunto zucchine e peperoni grigliati per una versione da orto (vedi foto) e ci siamo leccati i baffi.

Per circa 4 persone:

  • 750 grammi di melanzane

  • olio d'oliva per la cottura

  • sale

  • circa mezzo gambo di sedano (preferibilmente i gambi interni)

  • 1 dl di olio d'oliva

  • 1 cipolla, affettata sottilmente

  • 1 lattina di pomodori, senza il succo, tagliati finemente

  • pepe nero macinato fresco

  • 6 cucchiai di aceto di vino bianco

  • 1 cucchiaio di zucchero

  • 4 cucchiai di capperi

  • 50 grammi di olive verdi

  • carta da cucina

Tagliate le melanzane a cubetti di 1 cm. Scaldate uno strato di circa 2,5 cm di olio d'oliva in una padella. Distribuite uno strato di cubetti di melanzane e cuocetele dorandole su tutti i lati. Fatele scolare su carta da cucina e cospargetele di sale. Ripetete l'operazione con il resto delle melanzane e con il sedano (attenzione, schizza!).

Nel frattempo, riscaldare in una grande pentola l'olio d'oliva. Soffriggete le fette di cipolla in circa 10 minuti fino a farle diventare trasparenti. Aggiungete i pomodori e lasciateli cuocere per circa 15 minuti. Mescolate di tanto in tanto e aggiustate di sale e pepe.

Mentre la salsa cuoce, scaldate l'aceto con lo zucchero in un pentolino. Aggiungete i capperi e le olive e lasciate riposare a fuoco basso per un po'. Versate il contenuto del pentolino nella salsa di pomodori/cipolla e lasciate cuocere ancora per 5 minuti.

Aggiungete le verdure alla salsa e lasciate cuocere il tutto dolcemente per 20 minuti, affinché tutti i sapori si diffondano bene e si mescolino tra di loro.

Personalmente, trovo che la Caponata sia più buona se mangiata tiepida o a temperatura ambiente, ma si può anche servire fredda. In frigorifero si conserva facilmente per 5 o 6 giorni. Ma di solito non dura così a lungo. Buon appetito!


7 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page